Per evitare MIGRENA, utilizzare la dieta appropriata

Last Updated on

Per evitare MIGRENA, utilizzare la dieta appropriataUna dieta anti-emicrania può aiutare le persone che hanno un mal di testa emicrania. Gli attacchi di emicrania possono essere causati da alcuni alimenti e alcol. L’elenco dei fattori scatenanti include anche la fame. Una buona dieta con emicrania può quindi ridurre la frequenza degli attacchi. Controlla cosa puoi mangiare con l’emicrania e quali cibi evitare.

La dieta antiemicranica è un elemento molto importante nella prevenzione e nel trattamento dell’emicrania . Attualmente, è noto che la dieta e la selezione di prodotti alimentari influenzano l’incidenza degli attacchi di emicrania. C’è una lunga lista di cibi che possono causare emicrania, il che non significa godetevi la figura perfetta che la persona debba eliminarli tutti.

I singoli pazienti reagiscono negativamente ai prodotti selezionati, ma la loro determinazione è molto difficile, poiché la reazione del corpo viene solitamente ritardata di 24 ore.

L’utilizzo di un diario nutrizionale è molto utile per identificare gli alimenti che causano emicrania. L’emicrania rara è associata a un’allergia alimentare vera e propria . Molto spesso l’attacco è il risultato di ipersensibilità a un dato componente chimico di un prodotto alimentare. 1.2

Dieta anti-emicrania – regole di dieta per l’emicrania

I cibi comuni che causano l’emicrania includono cioccolato , caffè , alcool, maturazione e muffa e prodotti contenenti glutammato monosodico . 3 Tra i frequenti grilletti troviamo anche carni a lunga stagionatura, agrumi , gelato , aringhe marinate, fegato di pollo e coloranti alimentari . 1

Gli specialisti non raccomandano una dieta di eliminazione esigente per tutti i pazienti. Incoraggiare l’evitamento di prodotti alimentari noti come inneschi tipici dell’emicrania. Tuttavia, se i mal di testa sono frequenti e intensi, introducono una dieta rigorosa di eliminazione per 6-10 settimane.Dieta anti-emicrania - regole di dieta per l'emicrania

Quindi, inizia l’introduzione lenta e graduale dei singoli prodotti che sono fattori di innesco più deboli, e allo stesso tempo viene eseguito un registro degli alimenti per identificare il cibo a cui il paziente è ipersensibile. 2

Una dieta di eliminazione della durata di 6 settimane basata su studi sulla risposta immunitaria mediata da IgG porta effetti positivi e statisticamente significativi nel ridurre la frequenza degli attacchi di emicrania. 4

Gli attacchi di emicrania possono essere innescati da inneschi che includono – oltre al cibo, alcol e fame – stress e rilassamento dopo lo stress, fluttuazioni ormonali, sonno troppo lungo o troppo corto, affaticamento, droghe, rapidi cambiamenti climatici, soggiorni in alta quota luce intensa. 5

La fame è uno dei fattori dietetici che scatenano l’emicrania. Gli studi dimostrano che il 50% delle persone con emicrania ottiene un attacco dopo 16 ore senza cibo. Il meccanismo dell’impatto della fame sul mal di testa è probabilmente correlato ai cambiamenti nei livelli di serotonina e noradrenalina e all’espansione dei vasi sanguigni attorno al cervello 1 , nonché al rilascio di ormoni dello stress in questo cortisolo 6 .

La dieta emicrania non dovrebbe saltare i pasti. Vale la pena mangiarli regolarmente. Saltare i pasti è un fattore che causa emicrania nel 57% dei soggetti negli studi clinici e di popolazione. 6

L’emicrania può anche essere il risultato di un improvviso rilascio di insulina associata al consumo di rapidamente digerito carboidrati e l’ipoglicemia reattiva 1 (uno stato in cui il livello di glucosio dopo il consumo ritorna ai livelli normali, e l’insulina è ancora secreta, con conseguente diminuzione del glucosio sotto della norma).

In uno studio, ben il 75% dei partecipanti con emicrania aveva ipoglicemia reattiva. 6 Per evitare mal di testa e altri sintomi di emicrania derivanti dalla fame a lungo termine e ipoglicemia , persona malata dovrebbe mangiare 3 grandi, pasti equilibrati che non dominano i carboidrati 1 ( cereali , riso , patate , pane, la pasta , dolci). Non puoi saltare la colazione .

È meglio quando è grasso proteico. L’ultimo pasto dovrebbe contenere carboidrati complessi per evitare l’ipoglicemia mattutina. Alcuni studi indicano l’efficacia dell’utilizzo di una dieta ricca di grassi e di una dieta a basso contenuto di carboidrati nel ridurre la frequenza degli attacchi di emicrania. Alle stesse conclusioni tempo altre pubblicazioni indicano una mancanza di una chiara relazione tra la quantità di macronutrienti nella dieta e l’emicrania. 7

Le persone con emicrania dovrebbero mangiare prodotti freschi che non sono stati conservati per troppo tempo. I pasti dovrebbero essere cucinati regolarmente, non mangiare gli avanzi di pochi giorni fa. Gli avanzi di pranzo o di cena sono meglio congelati e usati in seguito.

Questa raccomandazione deriva dal fatto che durante la conservazione del cibo, aumenta la quantità di sostanze che scatenano l’emicrania. 8

Dieta anti-emicrania – fattori nutrizionali che scatenano l’emicrania

I fattori nutrizionali che causano l’emicrania includono:

tyramina

La tiramina è un’ammina derivata dall’aminoacido tirosina. Le sue grandi quantità si trovano nei formaggi stagionati, nelle carni crude stagionate, nel pesce affumicato, nella birra, negli alimenti fermentati, nell’estratto di lievito. Tyramine rilascia noradrenalina dalle terminazioni nervose, che possono causare mal di testa. 3

Si ipotizza che le persone sensibili agli alimenti con tiramina abbiano una deficienza congenita di MAO (monoamino ossidasi) – un enzima che metabolizza la tiramina. 1 Alcuni cibi ricchi di tiramina includono formaggio stagionato, pesce affumicato, carne secca, estratto di lievito, birra e prodotti fermentati, come i kefir, i crauti. 6 La quantità di tiramina aumenta nei prodotti di maturazione, fermentati, a lunga conservazione o stantii. 8

feniletilamina

La feniletilamina si trova nel cacao. Provoca un aumento della secrezione di serotonina e catecolamina. 3 È anche uno dei fattori scatenanti dell’emicrania nel cioccolato (accanto alla teobromina e alla caffeina). In un piccolo studio controllato con placebo, circa il 40% dei partecipanti che hanno ricevuto il cioccolato hanno avuto esperienza di emicrania tipica. Non c’era mal di testa nel gruppo che ha ricevuto il placebo. 1

aspartame

Si ritiene che il dolcificante artificiale aspartame provochi mal di testa nelle persone che consumano quantità moderate e elevate da 900 a 3000 mg al giorno. 3 Questa sostanza è riconosciuta dalla FDA come sicura per tutti, tranne per chi soffre di fenilchetonuria, tuttavia, sempre più pubblicazioni scientifiche indicano che l’aspartame è sconsigliabile alle persone con emicrania, epilessia e malattie neuropsichiatriche. 1

glutaminico monosodowy

Il glutammato monosodico è un sale sodico di un amminoacido naturale – acido glutammico. Ha un sapore umami ed è ampiamente usato come sostanza che migliora il gusto dei cibi altamente trasformati.

Il glutammato monosodico può essere trovata nei prodotti in varie forme: MSG, estratto di lievito, proteine ​​vegetali idrolizzate, lievito Autolyzed o proteine ​​strutturata.

Il meccanismo di azione di MSG nell’emicrania può essere associata con vasocostrizione dopo il consumo della stimolazione dose elevata di recettori del glutammato e l’attivazione di percorsi di neurotrasmissione, che raggiunge il rilascio di ossido nitrico e la vasodilatazione. 3 nitrati e nitriti

I nitriti sono conservanti per prodotti a base di carne, come salsicce , salumi e conserve. I nitrati si trovano naturalmente in molte verdure che li assorbono dal terreno durante la crescita. Nelle persone che sono ipersensibili, il mal di testa si verifica in pochi minuti o ore dopo aver mangiato nitriti o nitrati. Questo è probabilmente correlato al rilascio di ossido nitrico e alla dilatazione dei vasi sanguigni. 3

alcool

Tra gli alcoli, il vino rosso è l’ innesco più comune per l’emicrania . Il vino contiene tiramina, solfiti , istamina e flavonoidi fenolici che possono causare mal di testa. Un mal di testa alcolico in ritardo ( sbornia ) può essere un tipo di emicrania. È più spesso causato da alcoli colorati (vino rosso, whisky , bourbon) rispetto a quelli trasparenti.

Probabilmente non l’alcol stesso è un trigger di emicrania, e istamina e tiramina contenuti nelle bevande alcoliche. La stragrande maggioranza dei pazienti tollerano meglio le bevande alcoliche trasparenti. Significativo nell’emicrania dopo aver bevuto alcol è lo stress e l’affaticamento, che intensificano il dolore. In una situazione di rilassamento e rilassamento nella stessa persona l’emicrania dopo aver bevuto alcolici potrebbe non presentarsi affatto. 1

caffeina

La caffeina si trova in caffè, tè , cioccolato, energia e bevande gassate, così come in alcuni antidolorifici . La caffeina agisce sui recettori dell’adenosina nel cervello e nei capillari, causando vasocostrizione e rilascio di neurotrasmettitori . La sua azione è duplice e dipende dalla dose e dalla frequenza di utilizzo.

Preso raramente e in piccole quantità ha un lieve effetto analgesico, mentre consegnato al corpo ogni giorno in una quantità superiore a 300 mg provoca mal di testa. 3

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here